Perchè il libro
Tutto iniziò molti anni fa nel cimitero di Volpago, quando il piccolo Marino Parolin (Autore del libro), accompagnato dalla mamma per visitare la tomba dei nonni, passava obbligatoriamente davanti alla cappella gentilizia della Famiglia Gobbato e lì sua madre si soffermava davanti alla lapide posta in onore di Ugo Gobbato. Iniziava allora un dettagliato racconto su questa persona, arricchito da curiosità ed aneddoti. Marino ascoltava e memorizzava, successivamente in età adulta questi ricordi gli riaffiorarono alla mente, scatenando la voglia di conoscere e di capire questa grande figura di Uomo e di Ingegnere, nato a Volpago del Montello. Un giorno a Bologna quando era studente in medicina veterinaria, Marino trovò in una bancarella un libro di Gino Rancati che riguardava Enzo Ferrari. Sfogliando il libro trovò una nota di Ferrari, dove affermava di aver conosciuto l'Ing. Ugo Gobbato: "un veneto!", l'interesse di Marino aumentava sempre più: Enzo Ferrari e Ugo Gobbato, che rapporto c'era stato fra i due?
Marino iniziò a rendersi conto di quanto fosse stato importante Ugo Gobbato, anche perchè scoprì che la Fiat tramite il Prof. Valetta, aveva istituito una borsa di studio intitolata a Ugo Gobbato, ed una di queste era destinata ad uno studente di Volpago del Montello che avesse voluto laurearsi in ingegneria meccanica. Ma erano gli anni degli studi, della laurea e dell'inizio della professione, quindi "Gobbato" venne sospeso per un pò di tempo, finché qualche anno fa Marino riprese in mano l'argomento ed incaricò una persona che conosceva bene gli archivi comunali di Volpago del Montello di reperire notizie sulla famiglia dell'Ingegnere. Le informazioni ricavate furono però insufficienti e l'argomento restò nuovamente senza risposte approfondite.
Qualche tempo dopo, Marino sfogliando un giornale, fu attratto da un articolo che parlava della casa automobilistica "Lancia" con una pagina dedicata interamente alla sua decadenza dopo i fasti delle vittorie con la Lancia Stratos dell'Ing. Pierugo Gobbato.
Incuriosito si attivò per capire se questa persona avesse un legame con Ugo Gobbato, trovò dopo varie peripezie il numero di telefono e finalmente un giorno riuscì a parlargli. Con sorpresa scoprì che era il figlio di Ugo. Il contatto finalmente era avvenuto. Marino scoprì nell'Ing. Pierugo una persona eccezionale di grande umanità e disponibilità, finalmente ebbe le notizie che cercava da tempo e di "prima mano" su Ugo Gobbato. Questo rapporto continuò nel tempo trasformandosi in grande amicizia e da tutto questo si concretizzò l'idea di un libro che descrivesse in modo completo la vita e le opere dell'Ing.Ugo Gobbato. Fu coinvolta anche l'Amministrazione Comunale di Volpago del Montello, che rispose con entusiasmo all'idea di far "rivivere" questo illustre cittadino di Volpago. Il resto è storia dei tempi recenti, serate, eventi, commemorazioni, premi ... e non è finita.
news
  • data: 21/12/2009
    Presentato il libro "Ugo Gobbato, la leggenda di un innovatore senza epoca"
    click
    data: 16/12/2009
    Altre straordinarie auto a Volpago per la presentazione del libro
    click
    data: 10/12/2009
    Le Alfa Romeo presentate a Volpago, una breve descrizione
    click
  • data: 10/11/2009
    Presentazione ufficiale del libro
    click
    data: 10/11/2009
    Importanti ospiti alla presentazione del libro
    click
tot. 5 news
Sito realizzato e gestito da:
Carlo Bazan Studio Multimediale S.a.s., Via Sile, nr. 3/d - 31040 - Volpago del Montello (Treviso)
Tel. : 0423 622078 - Fax : 0423 621831 - E-mail : info@multimediabazan.it - P.I. : 03629090261
Iscritta alla C.C.I.A.A. di Treviso - REG. IMP 03629090261
R.E.A. 285807 - A.I.A. 85310